Vescovo Edir Macedo | 31 de Gennaio de 2017 - 10:31


Un Regno Perfetto

Un Regno Perfetto

Cera una volta un Regno il cui Re era il Proprio Dio. Differentemente dagli altri re la Sua maggior conquista era avere un rapporto con i Sui sudditi. Per questo, diede a loro i dieci comandamenti, in modo che l’ordine e la disciplina non solo continuassero a mantenere questo rapporto con Lui, ma anche con tutte le altre persone del Suo amato Regno. Finché un giorno, i Suoi sudditi si stancarono del Suo Regnato.

Dacci un re che amministri la giustizia in mezzo a noi. 1 Samuele 8.6

Iniziarono a guardare gli altri regni e invidiarono il fatto dei loro re se erano o no Dio. Volevano poter dire che avevano un re e una regina, che avevano un palazzo e, così mostrare che vivevano in un regno come gli altri. Ciò dispiacque molto al Re dei Re, ma dato che non voleva perdere il rapporto con il Suo stesso popolo, cedette alle loro esigenze…

Allora il SIGNORE disse a Samuele: Da’ ascolto alla voce del popolo in tutto quello che ti dirà, poiché essi non hanno respinto te, ma Me, affinché Io non regni su di loro. […] Ora dunque da’ ascolto alla loro voce; abbi cura però di avvertirli solennemente e di fare loro ben conoscere quale sarà il modo di agire del re che regnerà su di loro.
Samuele riferì tutte le parole del SIGNORE al popolo che gli domandava un re. Disse: Questo sarà il modo di agire del re che regnerà su di voi. Egli prenderà i vostri figli e li metterà sui carri e fra i suoi cavalieri e dovranno correre davanti al suo carro; ne farà dei capitani di migliaia e dei capitani di cinquantine; li metterà ad arare le sue terre e a mietere i suoi campi, a fabbricare i suoi ordigni di guerra e gli attrezzi dei suoi carri. Prenderà le vostre figlie per farsene delle profumiere, delle cuoche, delle fornaie. Prenderà i vostri campi, le vostre vigne, i vostri migliori uliveti per darli ai suoi servitori. Prenderà la decima delle vostre sementi e delle vostre vigne per darla ai suoi eunuchi e ai suoi servitori. Prenderà i vostri servi, le vostre serve, il fiore della vostra gioventù e i vostri asini per adoperarli nei suoi lavori. Prenderà la decima delle vostre greggi e voi sarete suoi schiavi.
1 Samuele 8.7-17

Anche con tanti svantaggi, il popolo ha preferito cambiare il Re dei Re con un re qualunque.

Israele ha pagato caro tutto ciò. Furono più re cattivi che re buoni, e anche i re buoni commisero gravi errori, errori che Dio non avrebbe mai commesso… alcuni di essi giunsero a uccidere migliaia di israeliti.

Fortunatamente, Dio non rinunciò a noi e ci ha dato il Suo Regnato attraverso il Suo Proprio Figlio, che alla fine ci ha graziati con il Suo Spirito in modo tale che coloro che sono battezzati con Lui tornano ad essere sudditi del Re dei re. Ossia, Egli passa a dirigere le loro vite, pur se fisicamente vivono in regni imperfetti, spiritualmente appartengono al Regno perfetto – il Regno di Dio.

In questo Regno, Dio è l’unico Re. Le Sue leggi sono al disopra di qualunque altra legge di questo mondo. Non si vive per ciò che si vede, ma per ciò che non si vede, poiché quel che importa è la fede.

Chi appartiene a questo Regno smette di essere brasiliano, europeo, americano, africano, negro, bianco, basso, alto, donna, uomo, ricco, povero… infine, non vive in accordo con i padroni di questo mondo. È differente, pensa differente, vive differente. Non vive soltanto ottanta o cento anni, ma per tutta l’eternità. Tanta saggezza gli è data che arriva a confondere gli studiosi, laureati, professori e professionisti di questo mondo.

È per questo che la Chiesa Universale promuove il Digiuno di Daniele di tempi in tempi, in modo che coloro che non hanno ancora lo Spirito dell’Altissimo e, quindi, ancora non conoscono il Suo Regno, possano candidarsi. E coloro che già Lo hanno, ma che per qualche ragione si sono distratti con i regni di questo mondo e forse Lo hanno perfino sminuito come il popolo di Israele in precedenza, possano ricordarsi a quale Regno appartengono realmente.

Partecipa anche tu! Il Digiuno inizia giorno 9 di febbraio in una Universale più vicina a te!

Nella fede.


Segnala errore