Vescovo Edir Macedo | 15 de Giugno de 2016 - 09:58


Il ritorno dei riscattati

Il ritorno dei riscattati

I riscattati dall’Eterno torneranno, verranno a Sion con grida di gioia e un’allegrezza eterna coronerà il loro capo; otterranno gioia e letizia, e il dolore e il gemito fuggiranno. Isaia 35:10

Dio ha compiuto le Sue promesse ad Abraamo stabilendo la sua discendenza nella terra di Canaan. Israele cessò di essere schiavo e di vagare nel deserto per prendere possesso della sua eredità, conforme a quanto diceva la Parola dell’Altissimo. In cambio, Egli esigeva soltanto obbedienza ai Suoi comandamenti e statuti e fedeltà alla Sua alleanza.

Ma Israele abbandonò la sua fede! Smise di amare e servire al Dio che lo tolse dalla schiavitù dell’Egitto per adorare altri dei. Per questo, il Signore consegnò le nazioni nelle mani dei nemici. Gerusalemme fu incendiata, e il tempio, saccheggiato e distrutto. Alcuni riuscirono a fuggire, migliaia furono i morti, ma la maggior parte del popolo fu condotto in prigionia. Dopo 70 anni di esilio, Dio ricondusse il Suo popolo alla sua patria, per ricostruire Gerusalemme e il tempio del signore. L’allegria per il ritorno nella sua terra natale era ineguagliabile! Era l’opportunità di ricominciare una nuova vita, lasciando alle spalle tutto il dolore, l’angoscia e la sofferenza.

La linea della chiesa in questo mondo assomiglia molto alla storia di Israele. Poiché nel corso dei secoli, molti hanno abbandonato la loro fede per non aver sopportato le lotte e le persecuzioni. Altri, perché sono stati sedotti dal luccichio del mondo. Hanno smesso di guardare al Salvatore e puntarono i loro occhi dove non dovevano. Hanno amato di più i piaceri di questo mondo che Colui che Si è consegnato come sacrificio per riscattare la nostra anima.

Ma, grazie all’amore e misericordia del Buon Pastore e Vescovo delle nostre anime, il Signor Gesù, migliaia e migliaia di pecore perdute hanno fatto ritorno alla casa del Padre e si sono riconciliate con Lui. La porta del Regno di Dio è ancora aperta, ma un giorno si chiuderà. Quando le cinque vergini stolte ritornarono, era già troppo tardi! Lo Sposo era già partito. Questo serve come una grande allerta per tutti noi.

Non importano i motivi che ti hanno fatto allontanare da Dio, poiché son ben maggiori i motivi perché tu ritorni! La corona della vita è pronta per essere posta sulla testa di tutti coloro che ritorneranno tra le braccia del Signore Gesù. Ci sarà allegria eterna per la Salvezza e per il piacere di essere nuovamente nella presenza del nostro Re e Signore. Siamo in un grande viaggio in questo mondo, e la destinazione finale sarà la Nuova Gerusalemme, dove vivremo e regneremo per sempre con il nostro Signore. Per questo, affrettati! Domani potrebbe essere troppo tardi!

Giorno 25 di giugno, alle h 18.00, avremo la seconda Carovana Nazionale del Riscatto con il vescovo Macedo. Direttamente dal Tempio di Salomone in tutto il Brasile. L’invito è fatto!

O Israele, se tu torni, dice l’Eterno, devi ritornare a me. Se rimuovi dalla mia presenza le tue abominazioni e non vai più vagando. Geremia 4:1

Ha collaborato: Vescovo Domingos Siqueira


Segnala errore