Vescovo Edir Macedo | 27 de Aprile de 2015 - 10:14


La grandezza della nostra responsabilità

La grandezza della nostra responsabilità

atalaia

E se la tromba dà un suono sconosciuto, chi si preparerà alla battaglia?
1 Corinzi 14:8

La trombetta è uno strumento di guerra posto nelle mani dell’Atalaia perché egli possa avvisare, allertare le persone sul pericolo della spada.

Ma non serve a nulla essere soltanto un’Atalaia e avere una trombetta, è necessario suonarla nel modo giusto per poter essere compresa, preparando il popolo alla battaglia. Nel nostro caso, la battaglia è per la nostra Salvezza.

Quante anime si trovano all’inferno, e quante ancora ve ne andranno (stiamo parlando di milioni di anime), solo per il fatto di non essere preparate, poiché non hanno capito il suono della trombetta?

È vero che molti non si vogliono arrendere al Signor Gesù, ma non ci possiamo dimenticare di quelli che si perdono a causa della negligenza dell’Atalia.

Il diavolo conosce l’importanza dell’Atalaia, e sa che lui è costituito dal proprio Dio, ma una volta distratto, il suono della sua trombetta non sarà compreso.
Per questo il diavolo tenta di distrarlo con altri pensieri, per sviare il suo obiettivo che deve essere soltanto salvare anime.

Il suono insicuro è quando si passa:
La fede emotiva nel luogo della fede intelligente;
La visione nell’oro e non nell’Altare che santifica l’oro;
Le tradizioni religiose invece dei Comandamenti.

Quando il suono giusto è dato non lascia il spazio neanche al dubbio più piccolo in coloro che lo ascoltano.
Ed è per questo che loro si preparano per la battaglia.

La trombetta si trova già nelle nostre mani, ma non possiamo distrarci, perché questo costerebbe vite.

Vescovo Djalma Bezerra


Segnala errore