Vescovo Edir Macedo | 13 de Febbraio de 2017 - 15:12


3° Giorno del Digiuno di Daniele

3° Giorno del Digiuno di Daniele

Il Regno di Dio e la Sua Giustizia

L’ansia per la vita famigliare e la vita economica è stato il maggior nemico dei candidati al battesimo con lo Spirito Santo. Normalmente, le persone si avvicinano all’Altare con interesse puramente profano. Non danno priorità al Regno di Dio e molto meno al comportamento giusto. A causa di ciò, passa anno dopo anno e, la vita è la sempre la stessa droga. Frequentano la chiesa in cerca delle benedizioni, ma non glie ne importa nulla di Colui che benedice, ciò li mantiene distanti da Dio e, conseguentemente, dalla Vita.

Le denominazioni cristiane sono piene di persone così, Persone viziate nell’ascoltare la Parola, viziate nel chiedere e ricevere la preghiera, viziate nei consigli, infine, viziate nella religiosità, ma ogni volta più vuote dello Spirito. Se gli si domandasse se credono in Gesù, risponderebbero: chiaro! Ma i loro occhi non riescono a nascondere la vita amare che conducono.

Non è sbagliato voler vivere una vita abbondante. Infin dei conti, non è questo ciò che il Signor Gesù promette? Ma non è intelligente dare priorità alle benedizioni anziché a Colui che benedice. La fede intelligente da priorità alla sottomissione al Re e dopo i privilegi del Suo Regno.

Il Digiuno di Daniele è un proposito di fede sacrificale per coloro che non hanno niente da perdere. È come l’Arca di Noè disposta a riscattare i persi, ravvivare la fede di quelli tiepidi e a rinnovare gli altri salvi. Chi è disposto a rinunciare a qualunque informazione audio-visiva, internet, reti sociali, intrattenimento, sport, cinema, teatro, shopping, musica contemporanea, conversazioni futili, infine, tutto ciò che svia il pensiero dai pensieri di Dio è molto benvenuto. Anche se vuole iniziare il digiuno in ritardo, non è un problema. Ciò che importa di più è immergersi nell’Oceano dello Spirito immediatamente e disintossicarsi da questo mondo.

Non siate dunque in ansia, dicendo: “Che mangeremo? Che berremo? Di che ci vestiremo?” Perché sono i pagani che ricercano tutte queste cose; ma il Padre vostro celeste sa che avete bisogno di tutte queste cose. CERCATE PRIMA IL REGNO E LA GIUSTIZIA DI DIO, e tutte queste cose vi saranno date in più.
Matteo 6.31-33

Leggi anche:

1° Giorno del Digiuno di Daniele
2° Giorno del Digiuno di Daniele


Segnala errore